Close

Per saperne di più su focus afrofuturismo e ecologie future

 

Karima, a partire dalla sua esperienza di AFROITALIENA – diventare aliena per non essere alienata – attraversa e incarna l’afrofuturismo e esprime la sua carica politica attraverso l’arte, la musica e la ricerca. Attraversa le diverse forme di espressione per arrivare alle altre e agli altri senza barriere, con il fumetto – due sono gli album scritti e disegnati da lei, Theitaliens ITALIENATION – con la musica – gli album musicali KARIMA 2G e l’ultimo, MALALA – e con lo studio e la ricerca, in particolare sull’afrofuturismo. Per Karima “Malala” parla di una donna che è finalmente sicura di sé. Una donna che si libera da ogni forma di schiavitù e che decide di non lasciarsi più sottomettere dai suoi oppressori. “Malala, come Malala Yousafzai, per me è una guerriera, non una vittima. Forte e coraggiosa, proprio come le donne nere che appaiano nel film Black Panther. Il mio EP vorrei che arrivasse a tutte quelle donne che faticano a vedere il loro potere personale e a tutte quelle persone che vivono nella paura di non potercela fare. Attraverso “Malala” voglio dare potere anche all’africanità. In un’era di conflitti, dove l’odio è il motore principale e il nero viene emarginato, “Malala” per me è un mantra di pace.”

ROMANZO ‘ROUGE IMPERATRICE
Il 21 agosto 2019 esce in Francia il romanzo ‘Rouge Impératrice’ di Léonora Miano, scrittrice francese di origine camerunese. Una saga afrofuturista, un grande affresco sull’amore e sulla memoria ma anche sull’avvenire, su come si vuole inventare il futuro. “Katiopa (Africa) porta già nel nome un’idea di utopia” – dice Miano in un’intervista- “Immagino un continente felice, autonomo, autodeterminato. Questo continente deve imparare a pensare differentemente, a pensarsi differentemente, fare la pace con il passato, liberarsi delle autorappresentazioni negative, accettare la sfida della reinvenzione di sé perché il futuro dell’Africa non è nel proprio passato, nell’età dell’oro, che avrebbe preceduto schiavismo e colonizzazione, ma nell’accettare le mutazioni della storia e inventare una nuova società”.

CORTOMETRAGGIO ‘PUMZI’
Pumzi (termine Swahili per ‘Respiro’) è un cortometraggio diretto dalla regista keniana Wanuri Kahiu.
La Terza Guerra Mondiale (detta ‘La guerra dell’acqua’), ha causato devastazioni su larga scala: la terra, arroventata dal sole, è diventata inabitabile e gli esseri umani abitano in un agglomerato sigillato e sopravvivono riciclando i propri fluidi corporei. Tutto è prodotto da elettricità generata dall’energia umana. Per mantenere l’ordine tutte le persone sono costrette a prendere delle pastiglie che inibiscono i sogni. La giovane scienziata Asha riesce a far germogliare un seme e, violando ogni regola, esce all’aperto per piantarlo e ritrovare la vita. Quel campione di terreno fertile potrebbe essere un segno di speranza per il futuro.

IL VIAGGIO INTERSTELLARE: PENSIERO VERDE E AFROFEMMINISMO
Una nuova ecologia femminista è stata prefigurata dalle opere afrofemministe di Octavia Butler e Wangichi Mutu, o anche arabo-latino-asiatico-femministe, che nelle commistioni tra mondo vegetale e animale e tra reale e immaginario hanno trovato una forte rappresentazione. La nuova ecologia si muove tra distopia e utopia, un mondo distrutto e il modo di ricostruirlo, un paradigma opposto a quello attuale, sottolineando nella forza dell’utopia un significato politico di rovesciamento dell’economia fondata sullo sfruttamento di natura e corpi, umani e non umani, e del sapere così come lo conosciamo.
Il viaggio interstellare non è solo fuga ma ricerca di modi e mondi alternativi in alleanza con la natura, una natura composta di elementi materiali e simbolici, immaginari e artistici, in un circuito cognitivo ed emotivo teso a costruire ponti verso un futuro femminista che non sia bianco e occidentale e superi frontiere temporali e spaziali, continenti terreni e astrali, aree diverse del sapere.

VISUAL- FOTO-CINEMA-IMMAGINI

Giovedì 5 ore 17 Sala 3 Giardino
NAVARRA
Tina Modotti. Fuoco che non muore di Gabriella Ebano. Con l’autrice interviene Silvia Di Tosti

Sabato 7 ore 15 Sala 2 Caminetto
MATILDA
Turchina la strega di Maria Sole Brusa  e illustrazioni di Marta Servilla . Libro vincitore del premio Narrare la parità V Edizione Incontro con Maria Grazia Anatra organizzatrice del Premio

Domenica 8 ore 18 Sala 3 Giardino
FEFÉ
Chantal Akerman/uno schermo nel deserto di Ilaria Gatti e Alessandro Cappabianca. Partecipano: Ilaria Gatti ed Anna Segre.

Domenica 8 ore 16 Sala Carla Lonzi
NERO
Soggetto nomade. Lisetta Carmi, Elisabetta Catalano, Paola Agosti, Letizia Battaglia, Marialba Russo. Postfazione di Rosi Braidotti. Gli scatti di cinque fotografe italiane realizzati tra la metà degli anni Sessanta e gli anni Ottanta. Intervengono Cristiana Perrella, Elena Magini e Marialba Russo.

SAGGISTICA

Venerdì 6 ore 16 Sala 3 Giardino
ETS
Il dolore illegittimo. Un’etnografia della sindrome fibromialgica di Chiara Moretti. Con l’autrice saranno presenti Carmela Morabito e Chiara Quagliariello.

Venerdì 6 ore 17 Sala 1 Simonetta Tosi
HERALD EDITORE – COLLANA LE GINESTRE
Prostituzione. Confronti e dibattiti nel femminismo, aa. vv. In presentazione Gina Di Francesco, Irene Giacobbe, Edda Billi

Sabato 7 ore 17 Sala 5 UDI
NOVA DELPHI
Clarice Lispector. Corpi disciplinati, corpi (di)sobbedienti di Luigia Di Crescenzio. Con l’autrice intervengono Igiaba Scego, scrittrice, e Sofia Andrade, Università degli Studi Roma Tre

Sabato 7 ore 17/19 Sala Carla Lonzi
Focus: Ma che streghe siamo noi? Con Tiziana Triana, Federica Fabbiani, Paola Bono, Guliana Misserville, Maria Grazia Anatra.

Sabato 7 ore 17 Sala 1 Simonetta Tosi
FRANCOANGELI
Per una clinica della gentilezza di Maria Laura Vittori. In presentazione con l’autrice intervengono Simona De Simone e Maria Vittoria Vittori

Sabato 7 ore 19 sala 1 Simonetta Tosi
MORETTI E VITALI
La carta coperta. L’inconscio nelle pratiche femministe a cura di Chiara Zamboni. Scritti di Chiara Zamboni, Ida Dominijanni, Cristina Faccincani, Lia Cigarini, Manuela Fraire, Antonella Moscati, Annarosa Buttarelli, Riccardo Fanciullacci Wanda Tommasi. Intervengono: Chiara Zamboni, Annarosa Buttarelli, Manuela Fraire, Viola Lo Moro e Ida Dominijanni

Domenica 8 ore 11 Sala 2 Sala Caminetto
VILLAGGIO MAORI
Siamo Marea. Come orientarsi nella rivoluzione femminista di Benedetta Pintus e Beatrice da Vela. Con Beatrice da Vela interviene in presentazione Maria Brighi

Sabato 7 ore 19 Sala 2 Caminetto
SCHENA
Le Irriverenti. Da Eva alle altre, dal patriarcato al cyborg di Maria Corvino Forleo. Dialoga con l’Autrice la dottoressa Maria Paola Forleo

Domenica 8 ore 15 Sala 3 Giardino
ELLIOT
100 Punti di lesbicità (secondo me) e 100 Punti di ebraicità (secondo me) di Anna Segre. Dialoga con l’autrice, Maria Palazzesi. Con la partecipazione di Evelina Meghnagi.

Domenica 8 ore 17 Sala 1 Simonetta Tosi
LATERZA
Lessico femminile di Sandra Petrignani. In dialogo con l’autrice Alessandra Quattrocchi

NOVITA’

Giovedì 5 Ore 17 sala 2 VANDA EDIZIONI
Carne da macello. La politica sessuale della carne e Una teoria critica femminista vegetariana di Carol J. Adams. Con Barbara Balsamo, Silvia Molè, Flavia Fechete

Giovedì 5 ore 18 sala 1

Presentazione in anteprima nazionale de L’isola delle madri nuovo romanzo di Maria Rosa Cutrufelli, Mondadori. Con l’autrice intervengono Manuela Fraire e Valeria Della Valle.

Venerdì ore 18 sala 4Trust
VOLAND
Presentazione del nuovo romanzo di Ruska Jorjoliani, Tre vivi, tre morti

Venerdì 6 ore 19 Sala 4 Trust
VANDA EDIZIONI
Cosa siamo disposte a fare per la nostra libertà. 2 monologhi di Alessandra Bocchetti. Con Alessandra Bocchetti, Paola Tavella, Teresa Manente

Sabato 7 ore 12 Sala 2 Caminetto
VANDA EDIZIONI
Fai la brava. Se il mostro delle favole è mio padre di Katia M. Con l’autrice interviene Monica Lanfranco

Sabato 7 ore 15 Sala 3 Giardino
BORDEAUX
Un’idea di noi di Eleonora de Nardis. Intervengono Marta Bonafoni e Alessandra Sannella. Letture di Chiara Becchimanzi. Sarà presente l’autrice Eleonora de Nardis

Domenica 8 ore 17 Sala 2 Caminetto
ENSEMBLE
Fragili naufragi di Nora Albert. In dialogo con l’autrice: Alessandra Bava e Gaia Casanova

Domenica 8 ore 17 Sala 3 Giardino
SELLERIO
Lo splendore del niente e altre storie di Maria Attanasio. Con l’autrice interviene Maria Rosa Cutrufelli

MONDO

Venerdì 6 ore 15 – MEZZOCIELO
Guerra alle donne. Presentazione del numero 163 della rivista Mezzocielo. “A che punto è il movimento contro la violenza maschile sulle donne in Messico?” Incontro con Mimma Grillo autrice del reportage. Presentano Rita Calabrese e Gisella Modica della redazione di Mezzocielo.

Venerdì 6 ore 19 Sala 5 UDI
NOVA DELPHI
Adesso posso scegliere. Dittatura, identità, memoria di Nadia Angelucci. Con l’autrice interviene Maria Rosaria Stabili. Modera Francesca Casafina

Sabato 7 ore 17 Sala 4 Trust
IL SIRENTE
Banlieue. Una nuova letteratura di frontiera attraverso tre giovani autrici francesi di origine araba. In presentazione: Un uomo non piange mai di Faiza Guène, La Mecca-Phuket di Saphia Azzedine, Le ballerine di Papicha di Kaouther Adimi. Veronique Virgilio (AGI) ne parla con la traduttrice Federica Pistono e Chiarastella Campanelli, editore il Sirente. Letture a cura di Nadia Kibout

Domenica 8 ore 17 Sala 5 UDI
REDSTARPRESS
Andare a Kobane di Arzu Demir. Con l’autrice interviene Simonetta Crisci dell’associazione Donne Diritti Giustizia in collaborazione con Rete Kurdistan

Domenica 8 ore 18 Sala 1 Simonetta Tosi
VIELLA/BIBLINK
Prostitute. Incontro tematico a partire dai volumi: Turpi traffici. Prostituzione e migrazioni globali di Laura Schettini (biblink editore) e La donna delinquente e la prostituta, a cura di Liliosa Azara e Luca Tedesco. In collaborazione con la SIS

Ambiente

Giovedì 5 ore 17 VANDA EDIZIONI
Carne da macello. La politica sessuale della carne e Una teoria critica femminista vegetariana di Carol J. Adams. Con Barbara Balsamo, Silvia Molè, Flavia Fechete.

Giovedì 5 ore 18 Sala Carla Lonzi
L’isola delle madri di Maria Rosa Cutrufelli, Mondadori. Con l’autrice intervengono Manuela Fraire e Valeria Della Valle.

Venerdì 6 ore 18-20 Sala Carla Lonzi
Focus clima: dal cambiamento all’emergenza
incontro a cura dell’associazione lesconfinate
Afrofuturismo femminista 2.0 – “Afrofuturismo e ecologie future”
Introduce e coordina Karima 2G,

Domenica 8, ore 11-13 Sala Carla Lonzi
Incontro a cura di Archivia
Oltre l’antropocene. Tavola rotonda
Introducono: Maria Palazzesi, Elena Gagliasso, Partecipano: Ilaria Bussoni, editor Deriveapprodi. Clara Ciccioni, editor di Not-Nero, 2019, Monica Martinelli, Settenove, Marina Vitale, Iacobelli.

Domenica 8 ore 18-20 Sala Carla Lonzi
A cura di Leggendaria
Ambiente e natura. Lo sguardo lungo delle streghe. I numeri 139 e 140 di Leggendaria con Annamaria Crispino, Silvia Neonato, Elvira Federici, le redattrici di Leggendaria videoproiezioni.

Spazio libri in itinere

Feminism 3 Fiera editoria donne archivia casa internazionale roma fiera libri scrittrice femminismo libreria donne

Una esperienza …ennale nel mondo dell’editoria la mia,  che è servita a convincermi che quello che era solo un pensiero, potesse assumere una forma palesata.

In Itinere:  affermazione ed espressione di un concetto semplice.
Non è importante il luogo ma le idee che lo animano, lo popolano, lo fanno vivere e crescere e modificarsi e raccontarsi per raccontare.

In Itinere per promuovere, sviluppare e diffondere la cultura senza discriminazione di spazio, di tempo, di tendenze, di stili, dalla letteratura alla poesia, dalla fotografia al cinema, dalla musica al teatro.

Dopo aver organizzato una lunga rassegna sulle rive del Tevere, indispensabile aprire un luogo fisico di riferimento. Ed ecco l’apertura di uno spazio a  Trevignano Romano nel quale trovarsi e ritrovarsi.

La libreria ha un ruolo prioritario ma “le idee in itinere”  nascono, si contaminano, si esprimono anche attraverso il cinema, la musica, la fotografia, la radio … organizzando eventi, laboratori, rassegne, corsi tematici, spettacoli dove la parola scritta o narrata è assolutamente vincente.

Sono partita da una rete di contatti, di amicizie, di valori perché guardo al futuro ma sono attenta alle persone ed alle loro storie.

In Itinere è nata nella mia testa … ma ora cammina, è plurale e condivide il percorso e la visione con chi ha uguali sogni.

 

Anna Di Giovanni