Close

Carne da macello. La politica sessuale della carne. Una teoria critica femminista vegetariana

VANDA EDIZIONI

Carol J. Adams

Qual è il filo rosso, l’assurda interazione tra la radicata misoginia culturale della società contemporanea e la sua ossessione per la carne e la mascolinità? Carne da macello, pubblicato per la prima volta negli USA nel 1990, esplora con raro acume e sottile intelligenza la relazione tra i valori patriarcali e il consumo di carne, intrecciando femminismo, vegetarianismo, antispecismo. Lo sfruttamento degli animali è per Adams un’altra manifestazione della brutale cultura patriarcale. Il trattamento degli animali come oggetti è associato all’oggettivazione nella società patriarcale di donne, neri e altre minoranze al fine di sfruttarli sistematicamente. Un libro che ha fatto molto parlare, provocando un’incredibile copertura mediatica (New York Times, Kirkus Review, Washington Post Book World, Journal of Library, Weeklyís Publisher, Choice). Insultato dalla stampa conservatrice.
Carol J. Adams, attivista americana nelle lotte contro la violenza domestica, il razzismo, i senzatetto, la giustizia riproduttiva, è divenuta famosa in tutto il mondo con la stampa di The Sexual Politics of Meat. Adams ha al suo attivo diverse pubblicazioni, fra cui Burger e Protest Kitchen (con Virginia Messina). Ha curato inoltre importanti antologie su ecofemminismo, femminismo e animali. I suoi articoli sono apparsi sul New York Times, sul Washington Post, sulle riviste Ms., The Christian Century, Tikkun e su Truthdig. www.caroljadams.com.

Giovedì 5 marzo, ore 17.

Carol Adams, dentro l’oppressione dei «referenti assenti» Un’ intervista

ITINERARI CRITICI. Una intervista all’attivista statunitense sul volume «Carne da macello». «The Sexual Politics of Meat», testo capitale dell’ecofemminismo e dell’antispecismo edito la prima volta nel 1989, arriva in Italia oggi per VandA. Il volume sarà presentato a Roma nell’ambito di Feminism il 5 marzo alle ore 17 in sala 2 Caminetto con Barbara Balsamo, Silvia Molè e Flavia Fechete

In un momento in cui il pensiero femminista sembra acquistare crescente visibilità nel panorama editoriale italiano, che rende finalmente – talvolta nuovamente – disponibili autrici come Donna Haraway, Monique Wittig, Valerie Solanas, non poteva mancare all’appello Carol Adams con Carne da macello. La politica sessuale della carne (comparso per la prima volta nel 1989 con il titolo di The Sexual Politics of Meat), per i tipi di VandA (pp. 360, euro 18, traduzione di Matteo Andreozzi e Annalisa Zabonati, postfazione di Barbara Balsamo e Silvia Molè).

Testo chiave dell’ecofemminismo statunitense e dell’antispecismo militante, il libro propone una critica del carnivorismo patriarcale con l’obbiettivo non soltanto di fornire un quadro dell’oppressione della vita animale, ma soprattutto di mettere in atto nuove pratiche di cura. Allieva di Mary Daly, teologa e femminista radicale autrice di Gyn/Ecology (1978), e per numerosi anni prima di dedicarsi alla scrittura attiva nelle lotte per il diritto alla casa e contro la violenza domestica, nel libro Adams ribadisce che creare alleanze significa innanzitutto lavorare trasversalmente, senza separare umani e non umani, e scardinando le gerarchie che discriminano i viventi e legittimano la subordinazione di alcuni e il privilegio di altri.

Il libro, che discute i «testi della carne» nelle diverse tradizioni, pratiche e relazioni sociali della cultura occidentale, e nelle sue espressioni verbali e visuali, insiste sull’interdipendenza fra la violenza simbolica e materiale esercitata sui corpi umani animalizzati e quella inflitta ai corpi degli animali non umani, le cui implicazioni vanno oltre la dimensione di genere: referenti assenti sono tutti quei corpi smembrati, macellati, stuprati, oggettivati che diventano, pertanto, consumabili.

In occasione della pubblicazione di Carne da macello (presentato in anteprima a Roma nell’ambito di «Feminism» il 5 marzo alle ore 17 in sala 2 Caminetto con Barbara Balsamo, Silvia Molè e Flavia Fechete) abbiamo intervistato Carol Adams.

Quali sono stati i motivi che l’hanno portata a scrivere «The Sexual Politics of Meat»? Ha percepito delle resistenze dopo la pubblicazione? Quali concetti sono stati accettati e quali sono stati criticati?
Ho iniziato a riflettere sulle connessioni tra femminismo e vegetarismo nel 1974, quando studiavo teoria femminista. Un giorno, mentre stavo camminando in direzione di Harvard Square, sono stata colpita dall’idea secondo cui il mangiar carne fosse parte integrante della cultura patriarcale. Poi ci sono voluti 15 anni per definire cosa dire e come dirlo. Dopo molte revisioni, il libro è stato pubblicato nel 1989. Le prime recensioni furono molto positive. Invece quando The Sexual Politics of Meat (Tspm) uscì in Gran Bretagna nel 1990 la ricezione non fu così entusiastica. Molt* si scandalizzarono di fronte al fatto che le due questioni fossero state messe in relazione. Tuttavia molt* attivisti antispecisti furono estremamente felici. Avevano sempre pensato che ci fosse un aspetto politico nel loro modo di rispondere all’oppressione animale e il mio libro offriva loro un background teorico per le loro scelte. Penso che il più importante dei miei contributi sia la considerazione degli animali come referenti assenti. Dietro la carne vi è un’assenza: la morte dell’animale. Questo è il «referente assente», la cui funzione è di mascherare la violenza insita nel carnivorismo. Il referente assente serve a tenere la nostra «carne» separata dall’osservazione che una volta essa sia stata un animale, a impedire che qualcosa possa essere stato qualcuno. Questo meccanismo è all’opera anche in altre forme di oppressione, quali lo sfruttamento sessuale.

Più o meno nello stesso periodo in cui usciva il suo libro, Kimberlé Crenshaw parlò di «femminismo intersezionale» per attirare l’attenzione sulle connessioni tra sessismo, razzismo e classismo. Cosa l’ha spinta ad analizzare l’intersezione trascurata tra sesso/genere e specie?
Quando stavo scrivendo il libro, non vi era ancora qualcosa chiamato «teoria intersezionale». Crenshaw coniò il termine nel 1989, quando Tspm stava per essere pubblicato. Il mio libro, quindi, si fonda sull’idea di un’interconnessione tra varie forme di oppressione più che sull’analisi di Crenshaw intesa in senso stretto. Le basi di questo lavoro sono costituite dal femminismo antirazzista, in particolar quello della seconda ondata, che include il lavoro del Combahee River Collective e la sua dichiarazione del 1977, e dal mio attivismo contro la violenza domestica, il razzismo, la povertà e a favore delle/dei lavorator* migranti e delle persone diseredate. Va inoltre sottolineato che anche l’ecofemminismo nasce solo agli inizi degli anni ’70.
Sono diventata vegetariana nell’ambito della comunità femminista di Boston-Cambridge agli inizi degli anni ’70 e così ho sperimentato le connessioni tra femminismo, vegetarismo e altri movimenti progressisti. Ho iniziato a scrivere il libro per sostenere che le femministe dovessero essere vegetariane, ma poi il libro si è andato sviluppando da solo. Comunque, continuo a pensare, come allora, che il femminismo fornisca i mezzi per rendere conto dell’oppressione degli animali.

Vegetariani e vegani sono spesso etichettati come emotivi, arrabbiati, amareggiati: non pensa che questo sia un modo per banalizzare o manipolare le tematiche antispeciste, impedendo che si possa instaurare un reale dibattito?
Penso che i vegani mettano fortemente a disagio i non vegani semplicemente sedendosi a tavola. Ricordiamo che ognuno ha la possibilità di scegliere e che i non vegani hanno deciso di continuare a mangiare gli animali, il loro latte e le loro uova. La nostra scelta ricorda loro che hanno preso una decisione, che hanno deciso di non cambiare. Ho scritto Living Among Meat Eaters, un libro che tenta di aiutare vegani e vegetariani a capire perché i carnivori siano così spesso emotivi, arrabbiati e amareggiati. In un certo senso, non serve fornire argomenti contro l’utilizzo degli animali; i non vegani hanno già pensato a quello che fanno e, per conservatorismo che spesso ha a che fare con l’egoismo («Non posso rinunciare al mio hamburger», «Adoro il formaggio»), hanno deciso di non cambiare.
Quando si arrabbiano perché noi abbiamo deciso di cambiare stanno cercando di distogliere l’attenzione dalla loro decisione di non cambiare. Teoria critica? I non vegani cercano di evitarla il più possibile perché metterebbe a nudo la debolezza degli argomenti a favore del consumo di carne, uova e latte. E, naturalmente, esiste il mito secondo cui noi vegani ci staremmo affamando e che non mangeremmo cibo meraviglioso, quando in realtà il nostro cibo è delizioso.
Considero i non vegani come vegani bloccati. Soprattutto negli ultimi anni, dato il ruolo giocato dagli allevamenti nei cambiamenti climatici in atto, è comprensibile che i non vegani cerchino di spostare l’attenzione sui vegani. Quando The Sexual Politics of Meat venne pubblicato alcune femministe dichiararono che non lo avrebbero letto perché temevano di diventare vegetariane. Fu allora che pensai: «Che ironia. Il femminismo viene evitato perché potrebbe sollecitare un cambiamento. Ma che cosa sta alla base del pensiero femminista se non il cambiamento?».

Ci sono voluti 30 anni per tradurre il suo volume in italiano, ora «Carne da macello». C’è qualcosa che cambierebbe o a cui darebbe un’enfasi differente? Che rilevanza assume il suo discorso nell’«era Trump»?
Purtroppo, la cultura dominante fa sì che quel testo mantenga la sua importanza. Gli esempi utilizzati potrebbero essere diversi, ma non il fatto che si stia discutendo di opinioni e strutture dominanti che sono ancora le stesse. Inoltre, così tante persone hanno affermato che il libro ha cambiato la loro vita che ho ritenuto non fosse necessario «aggiustarlo». Sembra che stia funzionando come speravo che facesse. Sì, ho aggiunto una prefazione e una postfazione, ma non ho inserito nuovi capitoli e neppure ho apportato modifiche sostanziali. Al contrario, sto aggiornando The Pornography of Meat (sarà ripubblicato in ottobre), soprattutto per quanto riguarda le immagini (345 saranno nuove!), e sto aggiungendo considerazioni sul movimento #MeToo, sulla retorica delle destre a favore del mangiare carne e latticini con lo scopo di promuovere la supremazia bianca, sull’associazione tra animalità e razza, su come il binarismo di genere sia rafforzato dalle politiche sessuali della carne e sul linguaggio del presidente Trump, lo sfruttatore-sessuale-in-capo. Le immagini più recenti utilizzate per rappresentare le politiche sessuali del carnivorismo riflettono questi sviluppi e pertanto c’è spazio per un profondo aggiornamento di un libro iconografico.

NOVITA’

Giovedì 5 Ore 17 sala 2 VANDA EDIZIONI
Carne da macello. La politica sessuale della carne e Una teoria critica femminista vegetariana di Carol J. Adams. Con Barbara Balsamo, Silvia Molè, Flavia Fechete

Giovedì 5 ore 18 sala 1

Presentazione in anteprima nazionale de L’isola delle madri nuovo romanzo di Maria Rosa Cutrufelli, Mondadori. Con l’autrice intervengono Manuela Fraire e Valeria Della Valle.

Venerdì ore 18 sala 4Trust
VOLAND
Presentazione del nuovo romanzo di Ruska Jorjoliani, Tre vivi, tre morti

Venerdì 6 ore 19 Sala 4 Trust
VANDA EDIZIONI
Cosa siamo disposte a fare per la nostra libertà. 2 monologhi di Alessandra Bocchetti. Con Alessandra Bocchetti, Paola Tavella, Teresa Manente

Sabato 7 ore 12 Sala 2 Caminetto
VANDA EDIZIONI
Fai la brava. Se il mostro delle favole è mio padre di Katia M. Con l’autrice interviene Monica Lanfranco

Sabato 7 ore 15 Sala 3 Giardino
BORDEAUX
Un’idea di noi di Eleonora de Nardis. Intervengono Marta Bonafoni e Alessandra Sannella. Letture di Chiara Becchimanzi. Sarà presente l’autrice Eleonora de Nardis

Domenica 8 ore 17 Sala 2 Caminetto
ENSEMBLE
Fragili naufragi di Nora Albert. In dialogo con l’autrice: Alessandra Bava e Gaia Casanova

Domenica 8 ore 17 Sala 3 Giardino
SELLERIO
Lo splendore del niente e altre storie di Maria Attanasio. Con l’autrice interviene Maria Rosa Cutrufelli

Ambiente

Giovedì 5 ore 17 VANDA EDIZIONI
Carne da macello. La politica sessuale della carne e Una teoria critica femminista vegetariana di Carol J. Adams. Con Barbara Balsamo, Silvia Molè, Flavia Fechete.

Giovedì 5 ore 18 Sala Carla Lonzi
L’isola delle madri di Maria Rosa Cutrufelli, Mondadori. Con l’autrice intervengono Manuela Fraire e Valeria Della Valle.

Venerdì 6 ore 18-20 Sala Carla Lonzi
Focus clima: dal cambiamento all’emergenza
incontro a cura dell’associazione lesconfinate
Afrofuturismo femminista 2.0 – “Afrofuturismo e ecologie future”
Introduce e coordina Karima 2G,

Domenica 8, ore 11-13 Sala Carla Lonzi
Incontro a cura di Archivia
Oltre l’antropocene. Tavola rotonda
Introducono: Maria Palazzesi, Elena Gagliasso, Partecipano: Ilaria Bussoni, editor Deriveapprodi. Clara Ciccioni, editor di Not-Nero, 2019, Monica Martinelli, Settenove, Marina Vitale, Iacobelli.

Domenica 8 ore 18-20 Sala Carla Lonzi
A cura di Leggendaria
Ambiente e natura. Lo sguardo lungo delle streghe. I numeri 139 e 140 di Leggendaria con Annamaria Crispino, Silvia Neonato, Elvira Federici, le redattrici di Leggendaria videoproiezioni.

Programma 2020

PROGRAMMA FEMINISM3-2020

 

Giovedì 5 Marzo 2020

APERTURA FIERA 15:30 – 20:00

Ore 16:00 SALA CARLA LONZI
INAUGURAZIONE con la Madrina MARIA ROSA CUTRUFELLI.
Intervengono: Maura Cossutta, Presidente CIDD; Elvira Federici, Presidente SIL; Marco Zapparoli, Presidente ADEI. Le organizzatrici della Fiera

Inaugurazione della Mostra di fotografie dall’Archivio di Noi Donne  Donne al lavoro, prodotta e allestita da ARCHIVIA con il finanziamento di Coordinamento Esteri della CGIL.  Progetto di Giovanna Olivieri realizzato con Raffaella Perna e Francesca Koch e la collaborazione di Valeria Tavernelli e Loredana Monaco.

Ore 17:00 Sala 2 Caminetto
VANDA EDIZIONI
Carne da Macello . La politica sessuale della carne e Una teoria critica femminista vegetariana
di Carol J. Adams.
Con Barbara Balsamo, attivista femminista antispecista, redattrice della rivista “Animal Studies” e “Asinus Novus”, Silvia Molè, attivista femminista antispecista, blogger di Fallacielogiche.it, Flavia Fechete, attivista ecofemminista-antispecista, studiosa di Carol Adams

Ore 17:00 Sala 3 Giardino
NAVARRA
Tina Modotti. Fuoco che non muore
di Gabriella Ebano.
Con l’autrice interviene Silvia Di Tosti

Ore 17:00 Sala 4 Trust
LA VITA FELICE
Matrilineare. Madri e figlie nella poesia italiana dagli anni Sessanta a oggi
aavv, a cura di Fiorenza Mormile, Loredana Magazzeni, Brenda Porster, Anna Maria Robustelli.
Presentano: Fiorenza Mormile e Anna Maria Robustelli. Modera: Alessandra Pigliaru

Ore 17:00 Sala 5 UDI
BOMPIANI
Così allegre senza nessun motivo e In principio erano le mutande
di Rossana Campo.
Con l’autrice interviene Alessandra Di Pietro

Ore 18:00 SALA CARLA LONZI
Presentazione in anteprima nazionale de L’isola delle madri nuovo romanzo
di MARIA ROSA CUTRUFELLI, edito da Mondadori.
Con l’autrice intervengono Manuela Fraire e Valeria Della Valle

Venerdì 6 marzo

APERTURA FIERA 10:00-20:00

Ore 10:00 -12:00 Sala Laboratorio: minilaboratorio Scuola Omero

Ore 11:00 Sala 1 Simonetta Tosi
SIL – SOCIETÀ ITALIANA DELLE LETTERATE
Carte di donne/Carte parlanti.
Il processo di ricostruzione della presenza delle donne nella società letteraria. Introduce e coordina l’incontro Adriana Chemello
Si parlerà di Paolina Leopardi. Lettere (1822-1869), a cura di Elisabetta Benucci, Apice Libri; Scrittrici con la valigia. Capitoli e censimento dell’odeporica femminile italiana dall’Antichità al Primo Novecento, a cura di Patrizia Guida, Congedo editore; Parole armate. Le grandi scrittrici del Novecento italiano tra resistenza ed emancipazione, a cura di Valeria P. Babini, collana La Tartaruga saggi, Baldini + Castoldi
Intervengono le curatrici dei volumi.

Ore15:00 Sala 2 Caminetto
LEMUS
Lettere  1853-1896. Clara Wieck Schumann e Johannes Brahms
a cura di Alice Fumero.
In presentazione Alice Fumero

Ore 15:00 Sala 4 Trust
MEZZOCIELO
GUERRA ALLE DONNE. Presentazione del numero 163 della rivista Mezzocielo. A che punto è il movimento contro la violenza maschile sulle donne in Messico?
Incontro con Mimma Grillo autrice del reportage.
Presentano Rita Calabrese e Gisella Modica della redazione di Mezzocielo.

Ore 15:00 SALA 5 UDI
GRAUS EDIZIONI
Lei, mai sola di Luisa Diaco e La stanza nel cuore di Anna Grazioso.
Incontro con le due autrici

Ore 16:00 Sala 1 Simonetta Tosi
SESSISMOERAZZISMO – EDIESSE
Separate in casa. Lavoratrici domestiche, femministe e sindacaliste: una mancata alleanza,
a cura di Beatrice Busi.
In presentazione: Beatrice Busi, Alessandra Gissi, Valeria Ribeiro Corossacz

Ore 16:00 Sala 2 Caminetto
EDIZIONE DELL’AUTRICE
Venezia Xenithea . Storie di donne straniere a Venezia. Racconti di Antonella Barina, Devana, Lucia Guidorizzi, Chicca Morone, Lecia Papadopoulos, Eva Pellegrini, Maristella Tagliaferro, Daniela Zamburlin, Sara Zanghì. Illustrazioni di Carol Schultheiss.
In presentazione Antonella Barina, curatrice del volume, e Mimma De Leo, storica

Ore 16:00 Sala 3 Giardino
ETS
Il dolore illegittimo. Un’etnografia della sindrome fibromialgica
di Chiara Moretti.
Con l’autrice saranno presenti Carmela Morabito, storica della psicologia e delle neuroscienze cognitive, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata, e Chiara Quagliariello, antropologa e ricercatrice presso l’Istituto Universitario Europeo di Fiesole.

Ore 16:00 Sala 4 Trust
LE STRADE BIANCHE DI STAMPA ALTERNATIVA
Riprendiamoci le parole – Manualetto,
di Serena Luciani.
Con l’autrice ne parla Daniela Piretti

Ore 17:00 Sala Carla Lonzi
DWF
Il femminismo si veste di carta. Gli archivi di DWF dal 1976 ad oggi.
Intervengono Teresa Di Martino, direttora, Patrizia Cacioli e Roberta Paoletti, redattrici

Ore 17:00 Sala 1 Simonetta Tosi
HERALD EDITORE – COLLANA LE GINESTRE
Prostituzione. Confronti e dibattiti nel femminismo,
di aavv, a cura di Irene Giacobbe, collana Donnità, AFFI.
In presentazione Gina Di Francesco, Irene Giacobbe, Edda Billi

Ore 17:00 Sala 2 Caminetto
MAREA
Marea. Il trimestrale nato nel 1994 si racconta.
In presentazione la direttrice Monica Lanfranco e la giornalista Federica Tourn

Ore 17:00 Sala 3 Giardino
FEFÉ
I girasoli di Liliam. Da bambina schiava sessuale in Brasile al grande sogno realizzato in Italia,
di Teresa Giulia Canòne.
Partecipano: Teresa Giulia Canòne, autrice del volume, psicologa, attivista; Liliam Altuntas, protagonista reale del racconto, oggi “cake designer”, Antonella Antonelli, psicologa, scrittrice, attrice

Ore 17:00 Sala 4 Trust
MANIFESTOLIBRI
Lavoratrici ai margini Donne che lavorano con altre donne
di Adriana Nannicini.
Dialogano con l’autrice: Silvia Neonato e Marina Montanelli

Ore 17:00 Sala 5 UDI
CAPOVOLTE
Salto avanti. L’Africa, la mia vita
di Arianna Rocca.
Con l’autrice dialoga Ilaria Leccardi, Capovolte edizioni

Ore 18:00 Sala Carla Lonzi
Focus a cura dell’ASSOCIAZIONE LESCONFINATE
AFROFUTURISMO FEMMINISTA 2.0 – “AFROFUTURISMO E ECOLOGIE FUTURE”
Introduce e coordina Karima 2G

Ore 18:00 Sala 1 Simonetta Tosi
L’ORMA
L’evento
di Annie Ernaux.
In presentazione l’editore e traduttore Lorenzo Flabbi

Ore 18:00 Sala 2 Caminetto
LE ASSASSINE
L’urlo dell’innocente
di Unity Dow.
Incontro con l’editrice Tiziana Elsa Prina.

Ore 18:00 Sala 3 Giardino
VITA ACTIVA
I sogni di Anna
di Silvia Ricci Lempen.
Con l’autrice intervengono Maria Vittoria Vittori e Gabriella Musetti

Ore 18:00 Sala 4 Trust
VOLAND
Tre vivi, tre morti
di Ruska Jorjoliani

Ore 18:00 Sala 5 UDI
ERICKSON
Crescere uomini. Le parole dei ragazzi su sessualità, pornografia, sessismo
di Monica Lanfranco.
Con l’autrice intervengono Federica Tourn, giornalista, e Loredana Rotondo, regista di Processo per stupro

Ore 19:00 Sala 1 Simonetta Tosi
IL DITO E LA LUNA
Saffo ‘900 – Renée Vivien in versi e in prosa,
a cura di Margherita Giacobino.
In presentazione Margherita Giacobino e Lucilla Ciambotti

Ore 19:00 Sala 2 Caminetto
IL VERRI
Mangio alberi e altre poesie
di Laura Cingolani.
Con l’autrice dialogano Lidia Ravera e Franca Rovigatti

Ore 19:00 Sala 3 Giardino
SEM
Il talento della vittima
di Patrizia Zappa Mulas.
In dialogo con l’autrice, Filippo La Porta

Ore 19:00 Sala 4 Trust
VANDA EDIZIONI
Cosa siamo disposte a fare per la nostra libertà.
2 monologhi di Alessandra Bocchetti.
Con Alessandra Bocchetti, Paola Tavella, Teresa Manente

Ore19:00 Sala 5 UDI
NOVA DELPHI
Adesso posso scegliere. Dittatura, identità, memoria nelle vite di quattro donne sudamericane
di Nadia Angelucci.
Con l’autrice interviene Maria Rosaria Stabili, Università degli Studi di Roma Tre. Modera Francesca Casafina

Sabato 7 Marzo

APERTURA FIERA 10:00-20:00

Ore 10:00-12:00 Sala Laboratorio: minilaboratorio Scuola Omero

Ore 12:00-14:00 Sala Laboratorio: minilaboratorio Scuola Omero

Ore 12:00 Sala Carla Lonzi
FPCGIL ROMA LAZIO
La città della dea Perenna di Maria Paola Fiorensoli. Donne a Roma dalla Controriforma al Femminismo. Storia del Complesso dell’ex Buon Pastore oggi Casa Internazionale delle Donne

Ore 12:00 SALA 1 Simonetta Tosi
ARCHIVIA
Luciana Percovich, Alessandra de Nardis, Elvira Visciola, Roberta Fenci e Maria Grazia Napolitano presentano il sito Autrici di Civiltà ( www.autricidicivilta.it) ed il suo ultimo ramo: Preistoria in Italia, inedito progetto per la raccolta di tutte le informazioni legate ai siti archeologici riconducibili ad una civiltà incentrata sulla Dea.

Ore 12:00 Sala 2 Caminetto
VANDA EDIZIONI
Fai la brava. Se il mostro delle favole è mio padre
di Katia M.
Con l’autrice interviene Monica Lanfranco, giornalista e formatrice

Ore 12:00 Sala 3 Giardino
ARACNE
A ciascuna il suo
di Chiara Becchimanzi
L’autrice si confronterà con Giuseppe Allegri sul tema “Precarietà economica versus affettiva”; con Francesca D’Onofrio sul tema “L’amore è un sentimento comico (e sessuale)”; con Eloise Longo sul tema “Dell’armonia degli opposti: gli influssi cabalistici”; con Giorgia Conteduca sul tema “Gli effetti collaterali”. Sono previsti interventi di Gioacchino Onorati, editore Aracne e di Vincenzo Palladino, prefatore del volume. Modera Eleonora De Nardis giornalista e scrittrice.

Ore 12:00 Sala 4 Trust
ENCICLOPEDIA DELLE DONNE
La donna brutta. Vita e scrittura di Violette Leduc
di Eleonora Tarabella.
Intervengono Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli

Ore 12:00 Sala 5 UDI
VILLAGGIO MAORI
Desiderio. Racconti di eros, segreti, bugie
di Delia Vaccarello.
In presentazione Margherita Giacobino

Ore 15:00 Sala 1 Simonetta Tosi
HERALD EDITORE – COLLANA LE GINESTRE
Family Spray
di Anna Paolucci.
Con l’autrice saranno in presentazione Sabina La Manna, operatrice sanitaria; Laura Annibali, Presidente Dì Gay Project e Gina Di Francesco, direttrice della collana Le Ginestre

Ore 15:00 Sala 2 Caminetto
MATILDA
Turchina la strega
Testo di Mariasole Brusa. Illustrazioni di Marta Sevilla
Libro vincitore del premio Narrare la parità V Edizione.
Incontro con Maria Grazia Anatra, organizzatrice del Premio

Ore 15:00 Sala 3 Giardino
BORDEAUX
Un’idea di noi
di Eleonora de Nardis.
Intervengono con l’autrice Marta Bonafoni e Alessandra Sannella. Letture di Chiara Becchimanzi.

Ore 15:00 Sala 4 Trust
NAVARRA
Maremmana
di Maria Cristina Di Giuseppe.
Con l’autrice interviene Daniela Brancati. Interventi musicali di Edoardo De Angelis

Ore 15:00 Sala 5 UDI
VOLAND
La sublime arte
di Alexandra David Neél.
In presentazione Jolanda Bufalini

Ore 16:00 Sala 1 Simonetta Tosi
AIEP
La Diva Simonetta, la sans par
di Giovanna Strano.
Saranno presenti l’autrice e l’editore Giuseppe Maria Morganti.

Ore 16:00 Sala 2 Caminetto
IACOBELLI
La potenza delle donne
di Paola Leonardi.
Con l’autrice interverranno le scrittrici e giornaliste Giorgia Serughetti e Nadia Tarantini

Ore 16:00 Sala 3 Giardino
BOMPIANI
Scrittrici o venditrici?. Come è cambiato il mestiere nelll’era della sovraproduzione libraria.
Intervengono: Giulia Caminito, Chiara Ingrao, Roberta Mazzanti, Silvia Neonato, Tiziana Triana.

Ore 16:00 Sala 4 Trust
LE ASSASSINE
All’una e trenta
di Isabel Ostrander e Il “giallo d’autrice”. La collana Vintage di Edizioni Le Assassine.
Incontro con l’editrice Tiziana Elsa Prina

Ore 16:00 Sala 5 UDI
ENCICLOPEDIA DELLE DONNE
C’era in Atene una bella donna. Etere, concubine e donne libere nella Grecia antica
di Vittoria Longoni.
Con l’autrice intervengono Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli

Ore 17:00 Sala Carla Lonzi
Focus Ma che streghe siamo noi? A cura di Anna Maria Crispino

Ore 17:00 Sala 1 Simonetta Tosi
FRANCOANGELI
Per una clinica della gentilezza
di Maria Laura Vittori.
In presentazione con l’autrice intervengono Simona De Simone e Maria Vittoria Vittori

Ore 17:00 Sala 2 Caminetto
SCHENA
Le Irriverenti. Da Eva alle altre, dal patriarcato al cyborg
di Maria Corvino Forleo.
Dialoga con l’Autrice Maria Paola Forleo

Ore 17:00 Sala 3 Giardino
EDIZIONI Q
So di una donna e altre poesie
di Leila Karami. Poesie scelte di autrici arabe, persiane, italiane.
Con la curatrice del volume saranno presenti le autrici Cristiana Baldazzi e Melissa Fedi

Ore 17:00 Sala 4 Trust
IL SIRENTE
Banlieue. Una nuova letteratura di frontiera attraverso tre giovani autrici francesi di origine araba.
In presentazione: Un uomo non piange mai di Faiza Guène, La Mecca-Phuket di Saphia Azzedine, Le ballerine di Papicha di Kaouther Adimi.
Veronique Virgilio (AGI) ne parla con la traduttrice Federica Pistono e Chiarastella Campanelli, editore il Sirente. Letture a cura di Nadia Kibout

Ore 17:00 Sala 5 UDI
NOVA DELPHI
Clarice Lispector. Corpi disciplinati, corpi (di)sobbedienti
di Luigia Di Crescenzio.
Con l’autrice intervengono Igiaba Scego, scrittrice, e Sofia Andrade, Università degli Studi Roma Tre

Ore 18:00 Sala 1 Simonetta Tosi
VENEXIA
L’amore tra donne nella storia
di Daniela Danna.
Intervengono l’autrice e Chiara Orlandini, Venexia Editrice

Ore 18:00 Sala 2 Caminetto
LUOGHINTERIORI
Negimet. La signora della valle
di Maria Grazia Mimmo.
Con l’autrice interviene Ignazio Merendino

Ore 18:00 Sala 3 Giardino
ALL AROUND
Non è un Paese per mamme
di Paola Setti.
Intervengono l’autrice e Alessandra Di Pietro, Agorà

Ore 18:00 Sala 5 UDI
NOTTETEMPO
Abbecedario della Differenza. Omaggio a Alice Ceresa
aavv, a cura di Laura Fortini e Alessandra Pigliaru. Con le curatrici del volume intervengono in presentazione Chiara Giorgi e Serena Guarracino

Ore 19:00 Sala 1 Simonetta Tosi
MORETTI E VITALI
La carta coperta. L’inconscio nelle pratiche femministe
a cura di Chiara Zamboni. Scritti di Chiara Zamboni, Ida Dominijanni, Cristina Faccincani, Lia Cigarini, Manuela Fraire, Antonella Moscati, Annarosa Buttarelli, Riccardo Fanciullacci Wanda Tommasi.
Intervengono: Chiara Zamboni, Annarosa Buttarelli, Ida Dominijanni, Manuela Fraire e Viola Lo Moro

Ore 19:00 Sala 2 Caminetto
ZONA 42
Avrai i miei occhi
di Nicoletta Vallorani.
Con l’autrice interviene Giuliana Misserville

Ore 19:00 Sala 4 Trust
ENSEMBLE
Antologia di poesia femminile britannica contemporanea
a cura di Alessandra Bava.
In presentazione Alessandra Bava, curatrice e traduttrice del volume, e Gaia Casanova

Domenica 8 Marzo

APERTURA FIERA 10:00-20:00

Ore 10:00 -12:00 Sala Laboratorio : minilaboratorio Scuola Omero

Ore 11:00 Sala Carla Lonzi
Focus OLTRE L’ANTROPOCENE. TAVOLA ROTONDA A CURA DI ARCHIVIA

Ore 11:00 Sala 2 Sala Caminetto
VILLAGGIO MAORI
Siamo Marea. Come orientarsi nella rivoluzione femminista
di Benedetta Pintus e Beatrice da Vela.
Con Beatrice da Vela interviene in presentazione Maria Brighi

Ore 12:00 Sala 2 Caminetto
ALL AROUND
La gemella sbagliata
di Rossana Carturan.
Con l’autrice interviene Lucia Visca, editrice

Ore 12:00 Sala 4 Trust
VILLAGGIO MAORI
I libri delle donne. Case editrici femministe dagli anni settanta
di Vera Navarria.
Con l’autrice dialoga Anna Maria Crispino, direttora di Leggendaria

Ore 15:00 Sala 1 Simonetta Tosi
DERIVEAPPRODI
La natura dell’economia. Femminismi, economia politica, ecologia
di Federica Giardini, Sara Pierallini, Federica Tomasello.
Con Federica Giardini e Sara Pierallini interviene Isabella Pinto, Ph.D. European Label in Studi Comparati e Teoria della letteratura, ricercatrice indipendente, attivista, redattrice di IAPh-Italia

Ore 15:00 Sala 2 Caminetto
SETTENOVE
Presentazione del secondo volume della collana «Storie nella Storia»: Le civiltà dei fiumi, Altri sguardi, nuovi racconti,
a cura di Settenove e Sis – Società Italiana delle storiche.
Intervengono l’autrice Francesca Minen e la curatrice della collana Elisabetta Serafini

Ore 15:00 Sala 3 Giardino
ELLIOT
100 Punti di lesbicità (secondo me) e 100 Punti di ebraicità (secondo me)
di Anna Segre.
Dialoga con l’autrice, Maria Palazzesi. Con la partecipazione di Evelina Meghnagi.

Ore 15:00 Sala 4 Trust
ALL AROUND
Destinazione Ravensbruck. L’orrore e la bellezza nel lager delle donne
di Donatella Alfonso, Laura Amoretti, Raffaella Ranise.
Con le autrici dialoga Virginia Piccolillo, Corriere della Sera

Ore 15:00 Sala 5 UDI
CAPOVOLTE
Marielle, presente!
di Agnese Gazzera.
Dialoga con l’autrice, Valeria Corossacz.

Ore 16:00 Sala Carla Lonzi
NERO
Soggetto nomade. Lisetta Carmi, Elisabetta Catalano, Paola Agosti, Letizia Battaglia, Marialba Russo. Postfazione di Rosi Braidotti.
Intervengono Cristiana Perrella, direttrice del Centro Pecci per l’arte contemporanea di Prato, Elena Magini, curatrice del volume, e Marialba Russo, fotografa

Ore 16:00 Sala 1 Simonetta Tosi
BORDEAUX
Il tempo del secolo.Trame di una militanza femminista
di Elettra Deiana
Il gioco dei vestiti Passione, politica e altre storie del ‘68
di Silvana Pisa.
Introduce l’incontro con le due autrici Francesca Koch

Ore 16:00 Sala 2 Caminetto
EUM
La prostituzione nell’Italia contemporanea. Tra storie, politiche e diritti
a cura di Annalisa Cegna, Natascia Mattiucci, Alessio Ponzio.
Con Annalisa Cegna e Natascia Mattucci, intervengono Luca De Benedictis e Liliosa Azara.

Ore 16:00 Sala 4 Trust
NEWTON COMPTON
Lessico familiare: come le scrittrici raccontano la storia.
Da Elsa Morante a Natalia Ginzburg, da Elena Ferrante a Stefania Auci
Angela Azzaro e Maria Vittoria Vittori ne discutono con Cinzia Giorgio, autrice del romanzo I migliori anni

Ore 16:00 Sala 5 UDI
LE LETTERE
D’amore e di lotta. Poesie scelte
di Audre Lorde.
Elvira Federici, Presidente SIL, dialogherà con Loredana Magazzeni e Anna Zani, Collettivo di Traduzione WiT, Women in Translation

Ore 17:00 Sala 1 Simonetta Tosi
LATERZA
Lessico femminile
di Sandra Petrignani.
In dialogo con l’autrice Alessandra Quattrocchi

Ore 17:00 Sala 2 Caminetto
ENSEMBLE
Fragili naufragi
di Nora Albert.
In dialogo con l’autrice: Alessandra Bava e Gaia Casanova

Ore 17:00 Sala 3 Giardino
SELLERIO
Lo splendore del niente e altre storie
di Maria Attanasio.
Con l’autrice interviene Maria Rosa Cutrufelli

Ore 17:00 Sala 4 Trust
RAPSODIA
Incontro con Marta Telatin, autrice de In tutti i sensi e È tutta colpa del tirami su.
Con l’autrice interviene Emanuela Lo Nigro, responsabile editoriale di Rapsodia

Ore 17:00 Sala 5 UDI
REDSTARPRESS
Andare a Kobane
di Arzu Demir.
Con l’autrice interviene Simonetta Crisci dell’associazione Donne Diritti Giustizia in collaborazione con Rete Kurdistan 

Ore 18:00 Sala Carla Lonzi
Leggendaria
Ambiente e natura: lo sguardo lungo delle Streghe.
Presentazione dei due ultimi numeri della rivista (nn.139 e140). Intervengono Anna Maria Crispino, direttora di Leggendaria, Silvia Neonato direttora di Letterate Magazine; Elvira Federici, presidente della SIL. All’incontro prendono parte redattrici e collaboratrici della rivista.

Ore 18:00 Sala 1 Simonetta Tosi
VIELLA/BIBLINK
Prostitute. Incontro tematico a partire dai volumi: Turpi traffici. Prostituzione e migrazioni globali di Laura Schettini (biblink editore) e La donna delinquente e la prostituta, a cura di Liliosa Azara e Luca Tedesco (viella edizioni).
In collaborazione con la SIS

Ore 18:00 Sala 2 Caminetto
ALL AROUND
Vintage life
di Cristiana Crisalfi.
Con l’autrice intervengono Alma Grandin, giornalista TG1 e Lia Migale, economista

Ore 18:00 Sala 3 Giardino
FEFÉ
Chantal Akerman/uno schermo nel deserto
di Ilaria Gatti e Alessandro Cappabianca.
Partecipano: Ilaria Gatti, autrice del volume, architetto, collaboratrice di FilmCritica, ed Anna Segre, medico psicoterapeuta e scrittrice.

Ore 18:00 Sala 4 Trust
AL.CE
In punta di piedi,
poesie di Susy Gillo.
Intervengono l’autrice e Erika Scarpante, edirice

Ore 18:00 Sala 5 UDI
SEM
Il giorno mangia la notte
di Silvia Bottani Con l’autrice interviene Emanuela Cocco

FEMINISM Fiera dell’Editoria delle donne 2020

L’emergenza Coronavirus ci ha costrette a sospendere la terza edizione di Feminism a 48 ore dall’inizio della manifestazione, prevista per il 5/8 marzo scorso, in ragione dei limiti imposti dall’emergenza sanitaria con i decreti restrittivi. Ma non intendiamo rinunciarvi: per gli editori coinvolti, per le autrici convocate, per il pubblico atteso alla Casa Internazionale delle Donne di Roma

Oggi rilanciamo

FEMINISM3
Corpo a corpo

ecco i prossimi eventi in calendario e altri seguiranno…

 


Un’idea di noi

di Eleonora de Nardis

Intervengono con l’autrice Marta Bonafoni, Daniela Carlà e Titti de Salvo

Venerdì 24 luglio 2020 – ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

 

In ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico per partecipare all’evento è obbligatoria la prenotazione e la ricezione di sua conferma email:  ufficiostampa@bordauxedizioni.it


Carne da Macello 

La politica sessuale della carne

di Carol J. Adams.
Con Barbara Balsamo, presidente di “Per animalia veritas”, Silvia Molè, blogger di Fallacielogiche.it e segretaria di “Parte in causa” e Flavia Fechete, studiosa di Carol Adams

Martedì 28 luglio 2020 – ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

 

In ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico per partecipare all’evento è obbligatoria la prenotazione INFO : info@vandaepublishing.com


 

Doppio Carico

Storie di operaie

di Loriana Lucciarini

Con l’autrice intervengono Michela Spera, FIOM Nazionale, e Giordana Masotto, Libreria delle Donne di Milano

Mercoledì 22 Luglio ore 21.00

Casa Internazionale delle donne – Roma

in ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico la prenotazione è obbligatoria scrivendo a info@villaggiomaori.com


Le autrici di All Around

in lockdown

Diario greco di Macri Puricelli

Ai tempi del virus. Cento voci tra sentimento e realtà

Sabato  11 luglio 2020 – ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

Una giornalista bloccata in Grecia dal lockdown racconta in un libro “Diario greco” il suo volontario esilio… Tante donne, giornaliste, scrittrici, professioniste, insegnanti, cooperanti, decidono di mettere a nudo speranze e paure, aspettative e desideri, in un libro corale, con solo femminile, “Ai tempi del virus. Cento voci tra sentimenti e realtà”.
Ora è il momento di riflettere. Ci vediamo sabato 11 luglio, con alcune sorprese.
Prenotazione obbligatoria.
Scrivere a redazione@edizioniallaround.it e attendere conferma.
STIAMO LAVORANDO ANCHE PER LO STREAMING

 

L’isola delle madri 

Presentazione del romanzo di Maria Rosa Cutrufelli, Mondadori.
Madrina di Feminism3
Con l’autrice interviene Manuela Fraire

Introduce e coordina Maria Palazzesi

in collaborazione con spaziolibri in itinere.

Giovedi’ 9 luglio 2020 – ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

in ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico per partecipare all’evento è necessaria la prenotazione


FOCUS

L’editoria indipendente nel Post Pandemia. 

La posta in gioco per i saperi e le narrative delle donne.

Martedì 7 luglio 2020 – ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

Incontro evento con gli editori romani a cura di

Anna Maria Crispino, Giulia Caminito, Maria Palazzesi.
Evento in collaborazione con ADEI

Partecipano: Andrea Palombi e Ada Carpi (Nutrimenti); Giulio Perrone e Antonio Sunseri (Giulio Perrone); Alice di Stefano (Fazi); Daniela di Sora e Diana Armento (Voland); Paolo Valoppi, Giulia Priore (Einaudi); Stefania Vulterini (Sessismoerazzismo); Anna Maria Crispino  (Leggendaria); Viola Lo Moro  (libreria Tuba/Festival Inquiete); Simona Bonsignori (manifestolibri); Enrica D’Augè (Iacobelli).

Si riparte dalla prima edizione di Feminism (2018), che aveva scelto il tema della filiera dell’editoria indipendente. Ora, dopo il forzato rinvio dell’edizione 2020, si intende riprendere e riconsiderare le figure professionali e le condizioni imprenditoriali che rendono possibile la produzione e la circolazione dei libri su un mercato editoriale in forte crisi, a causa dell’emergenza sanitaria ancora in atto.

Metteremo a fuoco i problemi creati dal lungo lockdown, che ha visto rallentare o fortemente limitare le attività produttive delle case editrici, la chiusura delle librerie con il conseguente blocco della distribuzione e un drastico ridimensionamento delle vendite, la messa in cassa integrazione di molti dipendenti, misura di cui non sempre si sono potuti avvantaggiare le case editrici piccole e piccolissime, l’adozione, ove possibile, dello smart working.

Tuttavia, si è registrato un forte aumento della produzione e vendita di volumi in e-Pub e di audiolibri, una moltiplicazione di presentazioni “virtuali”, alcuni servizi di vendita e consegna a domicilio da parte di una rete di librerie, soprattutto indipendenti, ma anche di editori o singoli autori con vendita diretta on line dai propri profili social o avvalendosi delle piattaforme di vendita più note. Molto è dunque cambiato, e insieme ci domandiamo cosa resterà di questi mutamenti che incidono su un settore, a forte presenza femminile, già da prima della crisi caratterizzato da fragilità strutturale e precarietà occupazionale.

Nell’ambito della produzione editoriale, i libri a firma di donna stavano registrando negli ultimi anni un significativo aumento; in termini numerici, di vendita e di visibilità, grazie a un complesso di fattori di cui la Fiera è forse uno, ma non l’unico, dei sintomi evidenti: abbiamo assistito al consolidarsi di scrittrici già note e di riconosciuto valore ma anche all’emergere di autrici molto giovani; a una maggiore sensibilità delle case editrici, specie quelle indipendenti, ai temi proposti dalle studiose in varie discipline, dentro e fuori l’Accademia.

Una specifica attenzione alle esordienti sia nella narrativa che nella saggistica e nella letteratura per l’infanzia, Young Adults, e didattica “alternativa”; alla nascita di case editrici di donne, magari piccole ma significative, di collane dedicate, al cui successo hanno fortemente contribuito stampa cartacea e on line, social, siti, nuove radio e piattaforme web. Molte sono le domande che ci pone tale inedito scenario; questo trend corre il rischio di rallentare, interrompersi o accelerare? La crisi che investe il settore porterà a una ripensamento dei piani e alla riorganizzazione delle filiere editoriali: insomma, passi avanti o passi indietro rispetto a temi e narrative delle donne?

I più esperti del web e forse anche i più ottimisti, suggeriscono che siti, piattaforme, le nuove frontiere delle chat, pagine pubbliche e aperte, che siano di Google o Facebook, come le piazze delle città restituite a se stesse e ai suoi reali abitanti, saranno spazi di libertà e indipendenza, anche fuori dalle “cattive” filiere che negli ultimi decenni hanno spesso strozzato se non destrutturato completamente prima i piccoli e poi i medi editori, mentre l’aggressione stava arrivando anche ai colossi.

L’iniziativa apre a una discussione generale e specifica che riguarda l’intero settore dell’editoria e ci auguriamo possa costituire un primo tassello per un confronto che andrà portato avanti in futuro e certamente lo sarà anche nella quarta edizione della Fiera, Feminism/4 che stiamo già pensando e progettando per il 2021.

In ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico per partecipare all’evento è necessaria la prenotazione

CLICCA QUI


 

Il tempo del secolo.

Trame di una militanza femminista

di Elettra Deiana, Bordeaux Editore
intervengono Angela Ammirati e Maria Luisa Boccia

lunedì 6 luglio 2020 ore 18.30

Casa Internazionale delle donne – Roma

in ottemperanza alle disposizioni inerenti il distanziamento fisico per partecipare all’evento è necessaria la prenotazione inviando un’email con il vostro nome a ufficiostampa@bordeauxedizioni.it o per telefono 06 68401720


 

 

Con grande rammarico ma con altrettanto grande senso di responsabilità, ci vediamo costrette a sospendere la Terza Edizione della Fiera, una scelta alla quale ci sentiamo obbligate in ragione dei limiti imposti dall’emergenza e dalla probabilità di ulteriori provvedimenti finalizzati a bloccare la diffusione del Covid-19.
Desideriamo farvi sapere che non intendiamo rinunciare alla realizzazione della Fiera, che ci proponiamo di rilanciare non appena i tempi ce lo consentano.
Ringraziamo tutte e tutti coloro che hanno condiviso il progetto: innanzitutto le case editrici e la nostra Madrina Maria Rosa Cutrufelli, ma anche la libreria in Itinere, CO2 onlus e tutte le volontarie che in gran numero avevano aderito alla nostra richiesta di collaborazione.
Ringraziamo altresì la Sil, Concorso lingua madre, ADEI e Iacobelli, sostenitori, e le Istituzioni che con il loro Patrocinio hanno riconosciuto l’importanza dell’evento

Feminism3

 Fiera dell’editoria delle donne 2020

dal 5 all’8 marzo

Nella bellissima cornice dell’antico Palazzo del Buon Pastore di Roma, ideata ed organizzata da Archivia, Leggendaria, Sessismoerazzismo, la Casa Internazionale delle Donne, saranno 4 giorni di incontri, focus, spettacoli.
Ingresso gratuito e aperto alla cittadinanza, secondo la tradizione di cultura e impegno verso Roma che anima la sede storica dei movimenti femministi, da decenni crocevia di servizi, proposte culturali, politiche e molto altro, interamente declinati al femminile, e oggi a rischio di chiusura.
Più numerosa nel 2020 la partecipazione delle case editrici, a conferma del crescente prestigio di Feminism, in una formula rinnovata: 82 espositori, fra i quali 33 “new entry”, avranno a disposizione un unico grande spazio libreria e la possibilità di presentare uno o più titoli nelle sale del complesso monumentale del Buon Pastore.
Significativa, in questa edizione, la presenza di case editrici medie e grandi, insieme alle piccole e piccolissime case editrici che “fanno la fiera” dal 2018.
Inaugurazione il 5 marzo alle 16 nella sala Carla Lonzi con la madrina di Feminism3 2020, Maria Rosa Cutrufelli, insieme a lei la presidente della Casa Internazionale delle Donne Maura CossuttaMaria Palazzesi di Archivia, Anna Maria Crispino di Leggendaria e Stefania Vulterini di Sessismoerazzismo, Elvira Federici della Società italiana delle letterate, Marco Zapparoli, presidente della Associazione degli editori indipendenti.

In occasione della Fiera potrete vedere dal 5 all’8 Marzo la Mostra di fotografie d’Archivio Donne al lavoro, prodotta e allestita da ARCHIVIA con il finanziamento di Coordinamento Esteri della CGIL.  Progetto di Giovanna Olivieri realizzato con Raffaella Perna e Francesca Koch e con la collaborazione di Valeria Tavernelli e Loredana Monaco.

Le foto in b/n provengono dal Fondo di Noi Donne e illustrano, emozionandoci, il percorso lavorativo delle donne sempre in bilico fra conservazione e rottura.

Due focus su Clima: dal cambiamento all’emergenza: il primo afrofuturismo e ecologie future, incontro organizzato dalla associazione Lesconfinate, il secondo Oltre l’Antropocene, tavola rotonda organizzata da Archivia.

Terzo Focus Ma che streghe siamo noi?, le streghe fra stigma e ribellione, a cura di Anna Maria Crispino.

Potete vedere il programma delle 4 giornate – ancora in via di definizione per alcuni dettagli

CASE editrici in fiera

Libri in presentazione

Libri e autrici in Fiera i video

Minilaboratori di scrittura della Scuola Omero 6-8 Marzo Programma

Una delle novità di Feminism 3 è lo Spazio libri In Itinere

Intervista a Maria Rosa Cutrufelli su L’isola delle madri di Jolanda Bufalini

 

Intervista  a Carole Adams su  Carne da macello presentato in anteprima a Roma nell’ambito di «Feminism» il 5 marzo alle ore 17 (Massimo Filippi e Federica Timeto Il Manifesto)

segui i PERCORSI – INCROCI 

proposti da Jolanda Bufalini

Ambiente

BIOGRAFIE-MEMORIE

Riviste

MONDO

NARRATIVA

NOVITA’

POESIA

POLITICA

Saggistica

SOCIALE – SOCIETÀ

STORIA-STORIE

VISUAL-FOTO-CINEMA-IMMAGINI

 Cercasi volontarie per la Fiera dal 5 all’8 marzo …scrivere a claudia.ciorciolini@theco2.org

 

Gallery

 

 

 

 

 

 


 

 

 

5-12-13 Luglio 2019

Casa Internazionale delle donne – Roma

PERFORMATIVE WOMEN’S POETRY

Poesia che dà corpo sonoro all’atto poetico, attraversando la tradizione classica più antica che affonda nella dimensione orale dell’epica, del dramma, della lirica. A quest’arte è dedicata una “Session” articolata in più incontri-evento con poete performers che si esibiranno sul palco del giardino della Casa proponendo loro componimenti

 

 Luglio: Women’s Poetry Meetings

Tre serate per incontrare poete performative diverse per temi e modalità, accomunate dalla ricerca di una commistione contaminante poeticamente il loro lavoro e la loro ricerca estetica. .

  • Prima Serata, 5 luglio ore 21

Rosaria Lo Russo, Reading

Maria Grazia Calandrone, Corpo reale

  • Seconda Serata, 12 luglio ore 21

Miss Poetrix: Transfert live performance

  1. ee: Secondoluce live performance
  • Terza Serata 13 luglio ore 21

Manuela Dago, Francesca Genti, Francesca Gironi: Supernove. Poesie per gli anni 2000

Poetry slam

7 settembre 2019 ore 21

Casa Internazionale delle donne – Roma

6 poete, 3 minuti a testa,

testi originali,

solo corpo e voce,

chi è migliore lo decreta il pubblico!

Maestra di cerimonia: Francesca Gironi

 

In gara: EUGENIA GALLI  FRANCESCA GENTI  EUGENIA GIANCASPRO  ANTEA MORO CLAUDIA SALVATORE ALESSANDRA RACCA

È una sfida poetica in cui il pubblico decreta chi vince.

Lo SLAM prevede letture ad alta voce dei poet*/performer in gara.

Un MC (Master of Ceremonies) conduce la serata e interagisce con il pubblico.

Allo Slam partecipano 6 poet*/performer.

Ogni poesia deve essere autentica, cioè scritta dal poet*.

C’è assoluta libertà di tema, metrica ed espressione.

È vietato l’utilizzo di oggetti scenici o accompagnamenti musicali. Solo voce, corpo e microfono.

Le poesie non devono superare i 3 minuti di tempo

Una giuria sorteggiata fra il pubblico e composta di cinque persone giudicherà ciascuna performance.

Saranno disputate due manche.

Chi vincerà si qualificherà alla fase successiva del campionato nazionale L.I.P.S.

LE POETE SI PRESENTANO

 


Maesta di cerimonia

Francesca Gironi è nata ad Ancona. Danzatrice e performer, attiva nella scena dei poetry slam, esplora il confine tra parola e gesto. Finalista ai campionati nazionali LIPS negli anni 2015, 2016, 2017. Il suo primo libro dal titolo “Abbattere i costi”
è edito da Miraggi. È stata ospite di festival di poesia, di video danza, di arti performative e residenze creative. Ha collaborato con coreografi, video maker,
fotografi e musicisti. Si è formata in danza contemporanea in Italia e all’estero. È laureata in lingue e ha un master in Germanistica conseguito all’Università di Halifax, in Canada. Nel 2017 è ospite del festival Spoken Word Madrid. Con la performance CTRL ZETA vince insieme a Sergio Garau il premio di produzione CROSSaward 2017.http://www.diadi.org/

 


 

 

Eugenia Galli (Rimini, 1996) studia lettere a Bologna e fa parte di Zoopalco, collettivo di poesia orale e multimediale. Suoi sono i testi e la voce del progetto di spoken music Monosportiva Galli Dal Pan, secondo classificato al Premio Alberto Dubito nel 2018. Alcune sue poesie compaiono anche nelle antologie dedicate al premio e pubblicate da Agenzia X: “Rivoluziono con la testa” (2017) e “Il genere errante” (2019). Nel 2017 e nel 2018 è finalista nazionale del campionato di poetry slam organizzato dalla LIPS – Lega Italiana Poetry Slam, di cui è coordinatrice regionale per l’Emilia Romagna. Ha tradotto dall’inglese “Poesie per ragazze di grazia e di fuoco”; (Rizzoli, 2018) insieme a Tommaso Galvani.



Francesca Genti è nata a Torino il 27 giugno 1975, vive a Milano. Ha pubblicato i libri di poesia Bimba Urbana (Premio Delfini, Mazzoli, 2001), Il vero amore non ha le nocciole (Meridiano Zero, 2004), Poesie d’amore per ragazze kamikaze (Purple Press, 2009; Sartoria Utopia, 2015), L’arancione mi ha salvato dalla malinconia (Sartoria Utopia, 2014), Il mio bambino mi ha detto (Sartoria Utopia, 2016), Anche la sofferenza ha la sua data di scadenza (HarperCollins, 2018).In veste di prosatrice ha scritto i racconti Il cuore delle stelle (Coniglio Editore, 2007), il romanzo La Febbre (Castelvecchi, 2011) e il saggio La poesia è un unicorno (Mondadori, 2018).
Con Manuela Dago ha fondato Sartoria Utopia, capanna editrice di libri di poesia cuciti a mano. www.sartoriautopia.it


 

 

Eugenia Giancaspro (Benevento 1990), linguista clinica e interprete LIS; nel 2008 si trasferisce a Padova per approfondire gli studi in Lettere Moderne, laureandosi in Linguistica per la sordità e disturbi del linguaggio all’ Università Ca’ Foscari di Venezia. Dal 2016 lavora nel mondo della sordità, dell’inclusione sociale e dell’educazione. LIS-slammer da due anni, attualmente vive e lavora a Milano. In attesa della sua prima pubblicazione Italo-francese, accessibile alle persone sorde e cieche, si può leggere e vedere un’anteprima qui:
Antigone Nuda { https://eugeniagiancaspro.wordpress.com/}
(foto di Alberto Brevi)

 


 

 

Antea Moro è nata a Roma nel 1991. Si diploma al Centro Sperimentale di
Cinematografia di Roma; scrive, tra le altre cose, vari cortometraggi e opere teatrali. Partecipa alle competizioni di poetry slam da circa due anni e attualmente studia Psicologia e processi sociali, è iscritta ad un corso di lingua dei segni, lavora e si dedica alla lotta contro la reificazione degli animali umani e non umani.

 


 

 

Alessandra Racca scrive poesie che si sono infilate in rete, riviste, pubblicazioni varie e nelle raccolte Poesie antirughe, L’amore non si cura con la citrosodina, Consigli di volo per bipedi pesanti, Nostra signora dei calzini deluxe (2011, 2013, 2016, 2018, Neo Edizioni). Appassionata di poesia “ad alta voce”, fermamente decisa a dimostrare che la poesia non è una noia, è autrice di reading nei quali mescola poesia e teatralità a una dose massiccia di ironia e musica. Dal 2008 porta i reading in viaggio per l’Italia, collaborando con musicisti ed altri artisti. É inoltre slammer, organizzatrice e presentatrice di poetry slam, contest fra poeti con giuria popolare. Fa parte del direttivo della Lega Italiana Poetry Slam e ne è coordinatrice per il Piemonte. Ha creato PoetiCo, il coro parlante poetico di Torino, per promuovere la lettura e l’ascolto della poesia in contesti collettivi. Tiene corsi di scrittura creativa per adulti e per bambini utilizzando il linguaggio della poesia e il piacere di giocare con le parole. Il suo blog è www.signoradeicalzini.it


 


Claudia Salvatore, allenatrice di atletica leggera e attrice di origine reatina, adottata romana. Lavora principalmente per il teatro, ma con diverse esperienze nel cinema, serie tv, web series, videoclip musicali e cortometraggi. Ha lavorato con Ricci/Forte, Jurij Ferrini, Daniele Scattina e attualmente collabora con Giovan Bartolo Botta e Produzioni Nostrane Ultras Teatro. È stata anche autrice, coautrice e regista di alcune pièce teatrali. Scrive poesie, tutte ancora inedite.

 

CONCERTO 

 

12 settembre 2019 

Valeria Vaglio

presenta

MIA

il nuovo album di inediti, già presente  su tutte le piattaforme streaming e in digital download, a distanza di ben cinque anni dall’ultimo lavoro discografico. Il disco è stato anticipato dal singolo “Mi faccio un regalo”, il cui video è stato girato interamente a Parigi ed è visibile al seguente link

www.vimeo.com/245706648.

L’album racconta una storia che si estende nell’arco di un anno ed è nato dall’esigenza di raccontare la rabbia che l’artista aveva dentro di sé. “Mia”, scritto in pochissimi mesi, è frutto dell’incontro di Valeria Vaglio e dei produttori Vittorio Giannelli e Giampaolo Cantini che hanno realizzato l’idea che l’artista aveva da tempo:aprire il suo cantautorato alla musica elettronica.

«Quando ho scritto questo disco – racconta Valeria – ero molto arrabbiata. È un disco diverso dagli altri tre. Le sonorità elettroniche sono state un vestito perfetto. Avevo voglia di sperimentare, di non preoccuparmi dei paletti, di cassa in quattro e di tanto volume».

Questa la tracklist di “Mia”: “Mia”, “Libera”, “Fallo amore”, “Mi faccio un regalo”, “10 minuti”, “Le cose che dicono”.

Subito dopo il concerto ci sarà un dj set di Miss Poetrix, artista performativa già ospite della Casa Internazionale delle Donne per presentare il suo progetto di Poesia e musica elettronica “Transfert”, di cui Valeria ha curato la parte musicale e visual.

 


Valeria Vaglio nasce a Bari il 28 giugno 1980. All’età di 8 anni inizia a studiare pianoforte e successivamente si dedica alla chitarra e al canto. A 16 anni comincia a comporre i primi brani e ad esibirsi dal vivo. Nel 2005 vince una borsa di studio SIAE e frequenta il “Corso di perfezionamento per autori di testi” presso il Cet di Mogol. Nel 2008 partecipa alla 58° edizione del Festival di Sanremo nella categoria giovani con il brano “Ore ed Ore”, estratto dall’album “Stato innaturale” (RCA/ Sony Music). Il 7 maggio 2010 esce il suo secondo album “Uscita di insicurezza” (Carosello/Artist First) composto da sette brani inediti e prodotto da Diego Calvetti. Solo un pezzo, “Nonostante le assenze”, è stato composto a quattro mani con Bungaro.
Nel 2014 esce il suo terzo album “Il mio vizio migliore” e nel 2016 scrive la colonna sonora del film “WAX”, opera prima del regista salentino Lorenzo Corvino, candidato nella cinquina dei registi emergenti ai David di Donatello.
Nel 2016 si laurea in video design allo IED di Roma.
A luglio 2017 Valeria inizia a lavorare al nuovo disco, prodotto da Vittorio Giannelli e Giampaolo Cantini.
Valeria Vaglio è un’attiva sostenitrice di Amnesty International e delle campagne contro l’omofobia: nel 2009 si è esibita infatti in occasione della Giornata Mondiale contro l’Omofobia e al Teatro EDI di Milano per la Giornata contro la Violenza sulle Donne.

“Suonare alla Casa Internazionale delle Donne per me ha un significato profondo. I luoghi dove l’arte trova spazio, voce e cura vanno accarezzati, appoggiati e difesi

FEMINISM2.

FIERA DELL’EDITORIA DELLE DONNE 2019

 

 

Secondo annuale appuntamento per Feminism, unica Fiera dell’editoria delle donne in Italia, che si inaugura l’8 marzo, all’insegna della festa e del confronto sempre con ingresso gratuito. 

Madrine d’eccezione la scrittrice pluripremiata Michela Murgia, la storica statunitense Max Dashu, attivista femminista e fondatrice nel 1970 dei Suppressed Histories Archives e Vandana Shiva, scienziata ambientalista e scrittrice, presidente di Navdanya International, taglieranno il nastro alle ore 14.00 di venerdì 8 marzo. All’inaugurazione saranno presenti anche Marco Zapparoli (Presidente ADEI) e Luisa Ricaldone (Presidente  SIL)

 

Vedi la registrazione dell’incontro di apertura https://www.facebook.com/watch/live/?v=266378920962329

 

Lettera di Vandana Shiva alla Sindaca di  Roma Virginia Raggi

VANDANA SHIVA nel giardino della Casa. Foto di Tania Cristofari

 

Gentile Sindaca Virginia Raggi,

In occasione del mio intervento per l’inaugurazione di Feminism, la Fiera dell’editoria delle donne in Italia, presso la Casa Internazionale delle Donne, …..

 

 

 

Photo gallery 2019

Programma 2019

 

 

info  Maria Palazzesi

mariapalazzesi.archivia@gmail.com