Close

Il gioco dei vestiti

BORDEAUX

Silvana Pisa

Una storia di passioni politiche che parte dal Sessantotto per arrivare ai giorni nostri. Volontaria del servizio civile al fianco di Franco Basaglia all’ospedale psichiatrico di Gorizia, Silvana Pisa cambia giovanissima la sua visione del rapporto tra pubblico e privato – «l’io è il noi» – sperimentando la coabitazione in una comune romana e la lotta per l’aborto “libero, legale e gratuito”. Arriveranno poi le figlie, le battaglie da insegnante nella scuola pubblica e nel sindacato e infine l’impegno nel Partito e l’esperienza parlamentare dal 2001 al 2008. Sullo sfondo, da sempre, il collettivo femminista madri, nato a metà degli anni Settanta, che ha accompagnato l’autrice fino all’età della “nonnità″. Un racconto ironico e mai nostalgico in cui tante donne si ritroveranno.
Silvana Pisa, bolognese di nascita e romana d’adozione, insegnante in pensione è stata parlamentare per due legislature.

Domenica 8 marzo, ore 16.

Il tempo del secolo

BORDEAUX

Elettra Deiana

Contributi di Letizia Paolozzi

Per Elettra Deiana, attivista, politica e femminista, la definizione di “secolo breve” coniata da Eric Hobsbawm per il XX secolo è inadatta a esprimere tutto l’orrore che il Novecento ha significato, perché i suoi effetti sul vissuto quotidiano perdurano fino ai nostri giorni senza soluzione di continuità. Esso è stato invece il secolo dei sentimenti straziati da un lato, e delle grosse conquiste civili dall’altro, un magma caotico nel quale sopravvivono vittorie inalienabili e perduranti criticità. Con una scrittura densa e decisa, Deiana accompagna il flusso della sua memoria mescolando sentimenti pubblici e privati, vicende personali e politiche, accompagnando il lettore all’interno dei meccanismi che hanno permesso la vittoria del mercato su tutte le istanze sociali, fino alle scelte ancora da compiere per invertire la rotta
Elettra Deiana, nata in Sardegna, vive a Roma dove ha studiato e si è formata politicamente con i movimenti della sinistra libertaria. Deputata nella XIV e XV legislatura per Rifondazione comunista, si è occupata in particolare di geopolitica e delle nuove guerre.

Domenica 8 marzo, ore 16.

Un’idea di noi

BORDEAUX

Eleonora de Nardis


Dopo il successo di Sei mia. Un amore violento, Eleonora de Nardis torna in libreria con un’altra coraggiosa storia “al femminile”. Sole e Amara, amiche dall’infanzia, intrecciano le loro turbolente esistenze durante gli anni più intensi della nostra storia recente – dalla caduta del Muro al G8 di Genova, dalle Torri gemelle ai casi di maternità surrogata oltreoceano – alla ricerca del loro posto in un paese che non riesce a tenere il passo della modernità. Questo precario equilibrio di passioni, sconfitte e disamori incontrerà però un tremendo ostacolo, mettendole davanti a una scelta capace di stravolgerne per sempre la visione del mondo. E di loro stesse… Un romanzo che affronta a viso aperto le tematiche del femminile legate agli stereotipi di genere, il dramma delle madri detenute, la violenza sulle donne e soprattutto il concetto di maternità, intesa non come semplice gravidanza ma come un modo unico e sacro di “essere nel mondo”

Eleonora de Nardis (Roma 1976) è sociologa, giornalista professionista e madre di tre figli. Ha lavorato in tv come redattrice, inviata, autrice e conduttrice di programmi di infotainment. È autrice di saggi e inchieste. Con Bordaeux ha pubblicato nel 2018 Sei mia. Un amore violento.

Sabato 7 marzo ore 15.00