Close

Non voglio scendere

GOLENA EDIZIONI

di Barbara Bonomi Romagnoli e Marina Turi

Il sessismo impera, la sessualità tergiversa e la rivoluzione arranca.

Non resta che salire al volo sulla metropolitana femminista.

Sei tragitti per l’autodeterminazione e la ribellione, attraversando i femminismi in lungo e in largo, con la curiosità di inciampare in qualche evento straordinario e il piacere di riguardare le fermate della vita quotidiana.

Sei tragitti per andare a scovare femminismi felici e appassionati, (auto)ironici e pungenti, includenti e visionari, capaci di produrre un progetto politico nella cornice del tempo che viviamo, quando tutto sembra bloccato, stereotipato e ripetitivo.

Femminismi con la capacità di organizzarsi al meglio per essere efficaci, che siano eccezioni senza regole, per smantellare il patriarcato e reinventare un mondo che così per noi proprio non funziona.

Barbara Bonomi Romagnoli (1974) apicoltrice e Marina Turi (1959) informatica, sono giornaliste freelance e raccontano storie che non sono neutre. Si sono conosciute in una serata femminista, hanno condiviso il progetto A/matrix, ridono e discutono fra cortei e assemblee, mailing list e collettivi, inseguendosi per coordinate geografiche diverse.
Non perdete tempo a chiedere loro di essere obbedienti e sottomesse.

Domenica 10 marzo ore 16:00 Sala UDI